Maison Agricole Petit Paradis - MIELE

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Proseguendo la navigazione del sito o premendo su 'ACCETTO' acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta l'informativa sui cookies

1apiario 2apiario 3apiario 4apiario

 

Il miele è il prodotto dell'alverare certamente più conosciuto. Ma, attenzione, di miele non ce n’è solo uno. Le differenze tra un miele e l’altro dipendono soprattutto dalla qualità e quantità delle piante che fioriscono e producono nettare nello stesso periodo. In determinati casi, vi è una fonte principale che predomina nettamente sulle altre e conferisce al miele le sue peculiari caratteristiche. Si parla allora di miele monoflora.

Il miele millefiori, invece, si ricava da una miscela di piante diverse e presenta sapore e aroma variabili da zona a zona e di anno in anno, secondo la flora caratteristica. Non si deve però pensare che il miele millefiori sia di qualità inferiore, poco caratterizzato e omologato nel gusto, perché ogni millefiori prodotto in natura ha un suo carattere preciso legato alla zona di produzione e alla sua specifica combinazione di fiori bottinati. La scelta fra i due tipi di miele, è più che altro una questione di gusto, dato che le caratteristiche nutritive fondamentali non cambiano molto da un tipo all’altro.

Il miele, dopo la sua estrazione, si mantiene liquido per poco tempo, dopo di che il glucosio tende ad aggregarsi in nuclei cristallini più o meno grossi e regolari, una percentuale maggiore o minore di glucosio condiziona la rapidità e lo stesso verificarsi del processo. Alcuni mieli ad esempio quello di acacia, proprio per il suo basso contenuto di glucosio, si mantiene liquido per anni.

Il miele di Acacia

Il miele di Robinia Pseudoacacia - meglio conosciuto come miele di Acacia - rappresenta uno dei più importanti raccolti della stagione. Essendo però all’inizio della primavera è fortemente condizionato dall’andamento climatico e ad annate favorevoli si alternano altre estremamente scarse. Il suo colore va dal bianco acqua al giallo paglierino. Ha sapore ed odore molto delicato ed è un ottimo dolcificante per tisane poiché non ne altera gusto ed aspetto. Presenta infine una cristallizzazione lentissima ed è difficilmente riscontrabile in quanto solitamente si consuma prima che inizi il processo.

La postazione in cui viene prodotto il nostro miele si trova in Piemonte, nel Comune di Colleretto Giacosa, ai margini di un fitto bosco di Robinia.


ZONA DI PRODUZIONE

Viene prodotto un po' in tutta Italia, nelle zone collinari, ma le Prealpi possono essere considerate la zona più tipica di provenienza.

CONSISTENZA

Liquido, limpido senza presenza di cristalli.

COLORE

Molto chiaro, tra i più chiari in assoluto. Da incolore a giallo paglierino.

PROFUMO

Molto tenue, floreale.

SAPORE

Molto delicato, vellutato, leggermente floreale, vanigliato.

USO

Come miele da tavola e come dolcificante naturale.

FORMAGGI DA ABBINARE

Caprini, Pecorino fresco, formaggi freschi come Robiola, Toma Erborinati (es. Gorgonzola, Bleu d’Aoste, …).

Il miele Millefiori

Miele dai mille aromi dovuti alla ricchezza dei pascoli alpini. Viene prodotto nel periodo estivo e in considerazione delle zone di produzione è fortemente condizionato dall’andamento climatico. Per questo, prima che un valore economico, il miele prodotto è un orgoglio e un appagamento per l’impegno profuso dall’apicoltore.

La postazione estiva è posta in località Sylvenoire, all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso, a monte dell’abitato Cogne. Circondata da un fitto bosco di larici e altre aghifoglie. In questa postazione, a circa 1700 metri s.l.m, si produce un miele millefiori di montagna dove, a seconda delle annate, si mescolano in una variabile ma efficace armonia le essenze tipiche dei pascoli e delle praterie alpine che conferiscono a questo miele profumi e sapori inconfondibili.


ZONA DI PRODUZIONE

La produzione di questo tipo di miele avviene a partire dal nettare di fiori di piante svariate spontanee. Le caratteristiche del prodotto sono perciò variabili a seconda delle diverse zone geografiche e del periodo di produzione in funzione delle specie vegetali in fioritura da cui le api raccolgono il polline. Per questo motivo non è un miele dalle caratteristiche omogenee, si tratta invece di un prodotto che caratterizza ogni apicoltura.

CONSISTENZA

Più o meno fluido o cristallizzato a seconda dei fiori maggiormente presenti nel territorio.

COLORE

Variabile, da dorato chiaro ad scuro/intenso con riflessi aranciati a secondo delle zone, della stagione e dei fiori maggiormente presenti nel territorio.

PROFUMO

Variabile, note floreali e fruttate più o meno nitide a secondo dei fiori maggiormente presenti nel territorio.

SAPORE

Variabile a secondo dei fiori maggiormente presenti nel territorio. normalmente dolce, con un buon equilibrio nella nota acida. Gradevole, deciso, a volte può presentare una lieve nota amara.

USO

Come miele da tavola e come dolcificante naturale.

FORMAGGI DA ABBINARE

Brie, Fontina, Erborinati (es. Gorgonzola, Bleu d’Aoste, …), Caprini, Taleggio.

SITI AMICI

   Greundzo   MARCHIO di Qualità Operatori Parco Nazionale Gran Paradiso